FAQ: diventare insegnanti

[ATT! pagina in continuo aggiornamento]

Vorrei diventare insegnante di discipline musicali. Cosa devo fare?

1) Ho un diploma accademico di I livello, cosa posso fare per poter accedere alla professione docente?

La normativa che regola l'accesso alla professione docente si è modificata rapidamente (e in modo un po' convulso) negli ultimi due decenni. Va comunque considerato che di solito devono essere tenuti presenti due distinti (ma tra loro inevitabilmente collegati) momenti:

A) formazione iniziale, percorso mediante il quale il futuro insegnante ha modo di acquisire le necessarie competenze in ingresso per l'esercizio della professione docente;

B) sistema di reclutamento mediante il quale lo Stato stabilisce le concrete modalità selettive (tramite concorso o graduatorie di merito) per la copertura delle cattedre rese disponibili.

Il passaggio da una fase all'altra ha sino ad ora comportato l'acquisizione (tramite corso o tramite concorso) del'abilitazione alla specifica classe di concorso.

Con la legge 107/2015, e la sua attuazione a seguito del DLgs 59/2017 viene meno il concetto di "abilitazione". Quindi il sistema ne risulta nuovamente rivoluzionato [vedi scheda di approfondimento dell'apposita Giornata di Studi del DDM-GO - Firenze, 18 marzo 2016].

2) Con un diploma accademico di I livello posso fare un corso per conseguire l'abilitazione all'insegnamento nella scuola secondaria?

No. Per accedere alla professione docente è sempre e comunque necessario il possesso di un diploma accademicodi II livello o di una Laurea Specialistica.

Le competenze acquisite al termine di un corso di triennio di I livello consentono comunque di operare come esperti in progetti dell'extrascuola o nei segmneti della scuola d'infanzia e primaria. A tal fine è consigliabile comunque elevare la propria qualifica mediante un apposito Master di I livello, se possibile a indirizzo didattico [vedi l'offerta formativa].

3) Ho un diploma accademico di I livello: posso accedere ai concorsi a cattedre per insegnare nella scuola secondaria?

No. Per accedere ai concorsi a cattedre nella scuola pubblica statale la legge 107/2015 stabilisce l'obbligo del possesso di un diploma accademico di II livello. Superato il concorso si avrà diritto ad accedere al percorso triennale di Formazoine Iniziale e Tirocinio (FIT) che costituisce specializzazione alla professione docente. Al termine positivo del percorso triennale FIT (che dà comunque diritto a uno stipendio e non comporterà quindi costi per gli aspiranti docenti) si passa a un contratto a tempo indeterminato (passaggio di ruolo) senza ulteriori prove concorsuali.

4) Ho sentito dire che per accedere al futuro concorso si dovrà avere un diploma di II livello ma avendo acquisiti "24 crediti nell'area antropo-psicopedagogica". Quindi, se frequento delle discipline di Didattica, i miei CFA saranno ritenuti validi?

Sì: L'allegato c dell DM 616/2017 riporta l'elenco dei codici disciplinari che potranno essere riconosciuti "purchè coernti con gli obiettivi formativi di cui all'allegato A)"

5) Quando saranno attivati nuovi Bienni di Didattica?

Con il DM 18 del 16.01.2018 il MIUR ha stabilito la trasformazione dei precedenti Bienni necessari per accedere ai TFA ordinari a nuovi bienni a numero NON programmato. I conservatorio ne ha richiesto lattivazione già  a partire dall'a.a in corso e siamo ancora in attesa del decreto di autorizzazione.

6) Partiranno nuovi cicli di TFA? Cosa è necessario per accedervi?

NO: le norme applicative del nuovo sitema di formazione iniziale renderebbe irrazionale a livello giuridico il loro avvio. D'ora in poi l'accesso ora avverrà per tutti a seguito di prove concorsuali previo possesso:

  • - in fase transitoria, di una precedente abilitazione oppure di almeno 3 anni di servizio (si raccomanda di leggere con estrema attenzione l'art. 17 del DLgs 59/2017);
  • - a regime, di un titolo di II livello congiuntamente all'acquisizione di 24 crediti in almeno tre delle quattro aree pedagica, psicologica, antropologica e delle metodologie e tecnologie didattiche.
 
Copyright
Dipartimento di Didattica della Musica - Conservatorio di Alessandria